Ultime notizie:

  data news Oggi NUOVA DEFENDER, CORSA SUL WEB PER 72 COLLEZIONISTI        data news Oggi CORONAVIRUS CINESE, L'ISTITUTO SPALLANZANI RASSICURA "NESSUN ALLARME"        data news Oggi L'ASSESSORE REGIONALE MARCO SCAJOLA, NEL FINE SETTIMANA SARA' A TAGGIA ED IMPERIA.        data news Oggi SANREMO INTENSIFICATI I CONTROLLI STRAORDINARI IN PREVISIONE DEL FESTIVAL DI SANREMO        data news Oggi VENTIMIGLIA LA POLIZIA DI STATO HA ARRESTATO UN PERICOLOSO STRANIERO       

AUTOSTRADE: MULE’ (FI), INCAPACITA’ GOVERNO SMASCHERATA DAI FATTI

data news
FRI 6 Dec 2019 | Notizie - Politica - Liguria
AUTOSTRADE: MULE’ (FI), INCAPACITA’ GOVERNO SMASCHERATA DAI FATTI

“Dovevano dare una ‘lezione’ ad Autostrade, aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno, far volare gli asini e... invece la loro incapacità viene smascherata ancora una volta dai fatti. I frutti marci del lavoro di Toninelli e Conte sono tutti racchiusi nella decisione del TAR della Liguria cui si è rivolta Autostrade dopo che il ‘decreto Genova’ l’aveva estromessa dalla demolizione e dalla ricostruzione del nuovo Ponte Morandi: bene, apprendiamo oggi che quella legge presenta dei profili di potenziale violazione costituzionale e per questa ragione il Tar della Liguria cui si era rivolta Autostrade, ha deciso di trasmettere alla Corte Costituzionale il quesito e nell’attesa ha sospeso il giudizio sul ricorso presentato da Aspi affinché fosse annullato il decreto Genova”. Così, in una nota, il deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato, Giorgio Mulé.

“Glielo avevamo detto in tutti modi - aggiunge - e in tutte le sedi durante la discussione del decreto Genova, li avevamo messi in guardia nelle commissioni parlamentari e lo avevo dichiarato ancora in Aula alla Camera il 30 ottobre 2018 avvertendo che a causa della superficialità e ignoranza del governo ci sarebbe stato un defatigante contenzioso legale con Autostrade. Ma niente: approssimativi, populisti, qualunquisti e chi più ne ha più ne metta, sono andati avanti e sono andati a sbattere. Ma con l’ignoranza non si governa, si danneggia la credibilità e il futuro del Paese. Ora il governo rischia di aggiungere danni a danni perché, se mai si andasse avanti per una revoca o caducazione della concessione, si rischierebbero conseguenze ancora più gravi e a farne le spese sarebbero gli italiani. Di fronte a tutto questo c’è solo da sperare nell’unica decisione saggia da parte della maggioranza: andare a casa”.

pulsante torna su