Ultime notizie:

  Oggi CLAUDIO SCAJOLA BRINDA CON I SOSTENITORI AI SOGNI D'ESTATE        Oggi ANNINA ELENA PRESENTA “CERVO DI STREGA”        Oggi COOPERAZIONE TRA CENTO TORRI E FONDAZIONE BANCA D'ALBA AD ALBENGA, L'APPROFONDIMENTO        Oggi LA PRESENTAZIONE DEL FESTIVAL DI MUSICA DA CAMERA DI CERVO        Oggi PARTITA DEL CUORE: DOMANI, VENERDI’ 2O APRILE ALLE 11 JACK SAVORETTI IN VISITA ALL’OSPEDALE GASLINI       

MUCCHE E TORI ALLO STATO BRADO NELL’IMPERIESE: LA SITUAZIONE E’ FUORI CONTROLLO.

FRI 13 Apr | Notizie - Cronaca - Imperia

Non sono bastate le recinzioni a fermare le circa 30 mucche che pascolano non custodite alla ricerca di cibo, distruggendo tutto quello che trovano sul loro cammino, come orti, piante ed intere coltivazioni.

È un problema in continua evoluzione, che fino a qualche tempo fa era circoscritto ad alcune zone dell’imperiese e contava un numero, se non comunque sopportabile, almeno controllabile di capi. Nell’ultimo anno invece, a causa anche della siccità che ha colpito la scorsa estate l’imperiese, questi animali abbandonati a loro stessi, hanno iniziato a scendere sempre più a valle colpendo in maniera sistematica, i comuni di Diano Arentino, Diano San Pietro, Villa Faraldi, San Bartolomeo e il Golfo Dianese.

Il problema riguarda in primis le aziende agricole della zona circostante Diano Marina, che vedono i propri raccolti interamente distrutti, con le piante irreparabilmente danneggiate, che rimangono anche successivamente improduttive e che costringono i proprietari a sradicare interi ettari di terreni. I danni economici sono quindi ingenti per queste aziende, ma il problema è anche di sicurezza delle persone, nonché di igiene pubblica dal momento che anche le carcasse di questi animali rimangono abbandonate intaccando il suolo e le acque circostanti.

“La situazione è diventata paradossale – afferma il Presidente di Coldiretti Imperia Gianluca Boeri – Questi capi in stato di abbandono si sono moltiplicati nel tempo arrivando ad un numero ormai ingestibile che, a causa della presenza anche del toro, non potrà far altro che continuare a crescere. Molte nostre aziende della zona hanno subito danni per migliaia di euro: c’è chi ha perso interi vigneti, orti, siepi, fiori, alberi da frutto ecc... Ma non solo: è dei giorni scorsi la notizia che una donna è stata “caricata” dalla mandria e ha riportato delle ferite che hanno richiesto l’intervento dei soccorsi.”

“Bisogna che qualcuno intervenga al più presto – afferma il Direttore di Coldiretti Imperia, Domenico Pautasso - facendosi carico una volta per tutte della situazione. Sono anni che il problema si acuisce sempre più e, purtroppo, a poco sono servite le manovre messe in atto fino ad oggi dalla Guardia Forestale. La questione è stata portata anche all’attenzione della Procura della Repubblica e della Magistratura, ma ora serve un intervento concreto che risolva una volta per tutte la situazione.”

puls torna su