Ultime notizie:

  data news Ieri VENTIMIGLIA : LA POLIZIA DI STATO ARRESTA UN CAMERIERE PER DETENZIONE AI FINI DI SPACCIO DI COCAINA E HASHISH        data news Ieri QUESTA MATTINA IL SALUTO DI COMMIATO DEL PREFETTO SILVANA TIZZANO L’INTERVENTO DEL VICEPRESIDENTE DELLA PROVINCIA LUIGINO DELLERBA        data news Ieri CANTIERI INUTILI INFINITI OVUNQUE E FORTI DISAGI GIOVANNI DE PAOLI (LEGA) RIDURRE L' IMPORTO DEI PEDAGGI AUTOSTRADALI IN LIGURIA        data news Ieri ANCORA IN CRESCITA IL NUMERO DI IMPRESE STRANIERE IN PROVINCIA DI CUNEO: +1,9% NEL 2018        data news Ieri ANCHE IL CARCERE D’IMPERIA COME QUELLO DI SAVONA? A QUESTO QUESITO CI RAGIONA IL SAPPE DELLA LIGURIA.       

I CINGHIALI ABBATTUTI SONO MENO DELLA META' DEI 28.000 PREVISTI DALLE ASSOCIAZIONI VENATORIE

data news
THU 10 Jan | Notizie - Attualità - Liguria
I CINGHIALI ABBATTUTI SONO MENO DELLA META' DEI 28.000 PREVISTI DALLE ASSOCIAZIONI VENATORIE

Così mentre gli animalisti continuano a proporre sistemi di protezione come i recinti alla colture che - oltre ad essere palesemente inefficaci - trasformerebbero il nostro sistema agricolo in una sorta di riserva indiana, l’ultima beffa arriva dal mondo della caccia.
Nel mezzo sempre gli stessi: agricoltori e allevatori che subiscono quotidianamente la distruzione dei propri raccolti e lo scempio delle proprie mandrie, sotto costante assedio da parte di quegli stessi cinghiali che le associazioni venatorie si erano impegnate ad abbattere.
Animalisti e cacciatori discettano di tutela dell’ambiente. Ma di chi quell’ambiente lo preserva – giorno dopo giorno - con fatica, disagi, soddisfazioni che spesso non ripagano del duro lavoro -non parla quasi mai nessuno. Così agricoltori e gli allevatori soccombono. E visti i ripetuti incidenti anche autostradali molte altre persone sono a rischio.
" Da anni ormai denunciamo l’insostenibilità del peso eccessivo degli animali selvatici sul sistema agricolo e sul tessuto sociale delle aree rurali - sottolineano dalla sede regionale di Cia Liguria -. Da parte nostra abbiamo messo in atto ogni tentativo utile a creare un clima di collaborazione, non ultima l’iniziativa di questa estate quando, grazie a diversi incontri sul territorio, abbiamo coinvolto decine di sindaci, e predisposto un documento di richieste avanzato a Regione Liguria. Diamo atto all’assessore regionale Mai di essersi assunto la responsabilità di prorogare il calendario venatorio, ma questo non è abbastanza: è fondamentale che il Consiglio Regionale ed il Presidente si rendano disponibili ad un incontro con la nostra associazione ed i sindaci, consci che il problema non è più gestibile attraverso l’ordinaria attività venatoria.
Ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta alle nostre richieste. Abbiamo atteso abbastanza. I problemi degli agricoltori non possono attendere oltre. Siamo determinati a combattere, ancora e di più, per la sostenibilità del sistema rurale ligure e nazionale".
Un problema che coinvolge infatti la Liguria e tutte le altre regioni.
“È’ giunto il momento di affermare che i palliativi non servono e che occorre legiferare d'urgenza per determinare la drastica riduzione degli animali selvatici che popolano il territorio nazionale - denuncia Dino Scanavino, Presidente Nazionale CIA. - A fronte di risposte evasive, approfondimenti inappropriati e denaro pubblico mal impiegato, chiediamo alla politica di mettere gli agricoltori nella condizione di raccogliere il frutto delle loro semine e delle loro fatiche e di consentire agli allevatori di dedicarsi alle proprie mandrie.”

pulsante torna su