Ultime notizie:

  data news Oggi 5,5 MILIONI DAL PSR PER LE AZIENDE BIOLOGICHE, ECOCOMPATIBILI E ANIMALI LOCALI A RISCHIO ESTINZIONE        data news Oggi NUOVA CONDOTTA DEL ROJA, IL SINDACO SCAJOLA TROVA I FONDI I IN REGIONE        data news Oggi PER LA PASQUA IN RIVIERA TANTI TURISTI MA NON C’E’ IL TUTTO ESAURITO        data news Oggi PROSEGUONO I RISARCIMENTI PER LE AZIENDE DELLA ZONA ROSSA DI PONTE MORANDI        data news Oggi CROLLO TORRE PILOTI A GENOVA, PER I GIUDICI “COLPEVOLE RITARDO DELL’EQUIPAGGIO”       

IL CONSIGLIO REGIONALE APPROVA LA LEGGE CHE TAGLIA 540 ETTARI I CONFINI DI 3 PARCHI

data news
TUE 9 Apr | Notizie - Attualità - Liguria
IL CONSIGLIO REGIONALE APPROVA LA LEGGE CHE TAGLIA 540 ETTARI I CONFINI DI 3 PARCHI

Il Consiglio regionale della Liguria dopo quattro sedute ha approvato la legge che taglia di circa 540 ettari i confini dei parchi Antola, Aveto e Alpi Liguri, cancella 42 aree protette in provincia di Savona e mette la parola fine alla istituzione del Parco del Finalese. Sono stati 17 i voti a favore, 10 i contrari e un astenuto.

La seduta e’ stata preceduta da un’audizione in conferenza dei capigruppo dei rappresentanti delle associazioni ambientaliste, ma non e’ stata trovata un’intesa, esclusa l’istituzione di un tavolo tecnico Regione-associazioni per discutere sulla gestione delle aree protette e sulla possibile nascita di nuovi parchi interregionali prevista dal disegno di legge. Il provvedimento, dice anche 'no' all'ingresso nel parco del Beigua da parte del Comune di Urbe, ed è stato per questo aspramente criticato dalle opposizioni e dai rappresentanti delle associazioni ambientaliste.

Soddisfazione è stata espressa dall'assessore regionale all’ambiente Stefano Mai, che ha parlato di modifiche alla vecchia legge richieste dagli stessi Enti parco. Per quanto riguarda la polemica delle opposizioni sul mancato ingresso di Urbe nell’Ente Parco del Beigua, l’assessore Mai ha ricordato che nel luglio 2017 il Comune aveva promesso di indire un referendum consultivo, che tuttavia non è mai stato realizzato. Pertanto, questo aspetto è stato rinviato a dopo l’approvazione della legge”. Delusione da parte delle opposizioni che considerano la legge “sfascia-parchi”.

pulsante torna su