Ultime notizie:

  data news Oggi CONTE RASSEGNA LE DIMISSIONI AL QUIRINALE, DOMANI AL VIA CONSULTAZIONI        data news Oggi OPEN ARMS: DISPOSTO SEQUESTRO E SBARCO MIGRANTI, ONG "FINISCE INCUBO"        data news Oggi M5S A SALVINI "PAURA PER LA POLTRONA? SI DIMETTA"        data news Oggi DEMIRAL SI PRESENTA "UN ONORE ESSERE ALLA JUVE"        data news Oggi TG ECONOMIA ITALPRESS MARTEDI' 20 AGOSTO 2019       

AD ANDORA UN PROGETTO ANTISPRECO ALIMEMTARE CON RIDUZIONE TARI PER AZIENDE CHE ADERISCONO

data news
WED 10 Apr | Notizie - Attualità - Andora
AD ANDORA UN PROGETTO ANTISPRECO ALIMEMTARE CON RIDUZIONE TARI PER AZIENDE CHE ADERISCONO

Una catena di solidarietà che unisce Comune di Andora, parrocchie, associazioni di volontariato e commercianti andoresi. È il motore del progetto di recupero alimentare "Meno spreco più felici", promosso dall'Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Andora, Patrizia Lanfredi che sarà presentato ufficialmente l'11 aprile 2019, alle ore 21 nella Sala Consiliare di Palazzo Tagliaferro. Commercianti, imprese artigiane nel settore alimentare potranno a breve conferire i loro prodotti avanzati, ottenendo uno sconto sulla Tari calcolato in base alla quantità di alimenti donata.

Il cibo sarà distribuito alle famiglie meno abbienti che saranno individuate, secondo parametri precisi, dall'ufficio Servizi sociali del Comune di Andora. "La presentazione è organizzata per esporre il progetto nel dettaglio a commercianti, aziende e artigiani del settore alimentare, ma anche per cercare ulteriori volontari in modo da ottimizzare la catena antipresco - spiega l'assessore alle Politiche sociali e Associazioni, Patrizia Lanfredi - Il servizio sarà realizzato assicurando velocità di consegna e discrezione. Le adesioni finora ricevute confermano il grande senso di solidarietà della Comunità di Andora." La catena solidale è organizzata in collaborazione con l'Assessore al Bilancio Nicolini che ha modificato il regolamento Tari per aggiungere l'agevolazione. Nulla andrà sprecato. Gli alimenti freschi non distribuiti saranno destinati agli allevamenti animali.

pulsante torna su