Ultime notizie:

  data news Oggi SANREMO : I LAVORI IN PIAZZA BOREA D' OLMO        data news Oggi CAMERA DI COMMERCIO RIVIERE DI LIGURIA RIFIUTI ENTRO IL 22 GIUGNO LA DICHIARAZIONE MUD 2019        data news Oggi DI MURO A CONTE: «PRESIDENTE IN EUROPA SI RICORDI DELLA MIA VENTIMIGLIA»        data news Oggi DEMOLIZIONE DI PONTE MORANDI, A GENOVA ESAMI DI MATURITA’ SOSPESI PER UN GIORNO        data news Oggi PER IL RILANCIO DI FORZA ITALIA BERLUSCONI PUNTA SU TOTI E LA CARFAGNA       

AUTONOMIA DELLA LIGURIA: VENERDÌ INCONTRO A GENOVA CON MINISTRO STEFANI

data news
WED 10 Apr | Notizie - Politica - Liguria
AUTONOMIA DELLA LIGURIA: VENERDÌ INCONTRO A GENOVA CON MINISTRO STEFANI

“Meno burocrazia e più vantaggi per i cittadini. Lunedì prossimo si svolgerà la seduta straordinaria del consiglio regionale dedicata agli approfondimenti sui contenuti dell’intesa con lo Stato per il riconoscimento di forme e condizioni particolari di autonomia alla Liguria." Lo fanno sapere Franco Senarega, capogruppo regionale Lega Nord Liguria – Salvini e Paolo Ardenti, vice capogruppo regionale, che continuano: "Si tratta di un percorso previsto dalla Costituzione, di cui discuteremo con il ministro degli Affari regionali e Autonomie, Erika Stefani, che venerdì sarà a Genova.

Ringraziando il ministro Stefani per il proficuo lavoro e l’attenzione al nostro territorio, ricordiamo che la giunta regionale ha già approvato la delibera che ha consentito di dare l’avvio al percorso per arrivare alla gestione autonoma di una serie di materie e temi specifici, come in sostanza già fatto dalle Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna.

Attualmente, la richiesta di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia riguarda le materie di Sviluppo economico; Lavoro; Coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario; Infrastrutture, logistica e portualità; Salute; Scuola; Sport; Ambiente e governo del territorio; Ordinamento della comunicazione.

Il percorso dell'autonomia non serve per fare cassa. E’ quindi sbagliato discutere solo di risorse perché, più che altro, si tratta di cambiare organizzazione per avere una macchina pubblica più efficiente e coerente con le esigenze del nostro territorio e dei nostri cittadini.”



pulsante torna su