Ultime notizie:

  data news Oggi SALVINI"NESSUNO SCONFORTO, I PARTITI SPIEGHINO L'INCIUCIO AGLI ITALIANI"        data news Oggi INCIDENTE QUESTA MATTINA A IMPERIA IN VIA DON ABBO. UN FERITO E TRAFFICO IN TILT        data news Oggi MANCA L’ALLACCIO AL DEPURATORE DI IMPERIA, IN DIFFICOLTA’ LE AZIENDE DELLA STATALE 28        data news Oggi SANDRO BIASOTTI: SI PROSPETTA UN GOVERNO FRA PD E MOVIMENTO 5 STELLE        data news Oggi ARRIVA IL WOLVERHAMPTON, MAZZARRI FA APPELLO ALLO "SPIRITO DEL TORO"       

CONTE APRE ALLA TAV, SALVINI ESULTA MA PER DI MAIO PRIORITÀ SONO ALTRE

data news
TUE 23 Jul | Italpress
CONTE APRE ALLA TAV, SALVINI ESULTA MA PER DI MAIO PRIORITÀ SONO ALTRE

ROMA (ITALPRESS) - Il premier Giuseppe Conte prende posizione sulla Tav e non usa giri di parole: "Sono intervenuti dei fatti nuovi, elementi di cui dobbiamo tenere conto nella risposta che venerdi' il governo dovra' dare all'Inea per evitare la perdita dei finanziamenti europei. L'Europa, e questo e' il primo elemento nuovo di cui tenere conto, si e' detta disponibile ad aumentare il finanziamento della tratta transfrontaliera dal 40 al 55% e questo comporterebbe un notevole risparmio per l'Italia".

Qundi "alla luce di questi nuovi finanziamenti comunitari non realizzare il Tav costerebbe molto piu' che completarlo e dico questo pensando all'interesse nazionale che e' l'unica stella polare che guida il governo. Questa e' la posizione del governo ferma restando la piena sovranita', la piena autonomia del Parlamento". A stretto giro arriva il commento del vice premier e leader della Lega Matteo Salvini: "La Tav si fara', come giusto e come sempre chiesto dalla Lega. Peccato per il tempo perso, adesso di corsa a sbloccare tutti gli altri cantieri fermi".

Da partua sua, invece, l'altro vice premier e capo politico del M5S, Luigi Di Maio, non nasconde una certa delusione: "Ho ascoltato attentamente le parole del presidente Conte, che rispetto. Il presidente e' stato chiaro, ora e' il Parlamento a doversi esprimere. Sara' il Parlamento, nella sua centralita' e sovranita', che dovra' decidere se un progetto vecchio di circa 30 anni e che sara' pronto tra altri 15, risalente praticamente alla caduta del muro di Berlino, debba essere la priorita' di questo Paese". Poi, rincara la dose: "qualcuno, adesso, vorrebbe farci credere che la priorita' del Paese sia questa. Media, giornali, apparati, tutto il sistema schierato a favore. Non noi. Non il MoVimento 5 Stelle. Per noi la Torino-Lione era e resta un'opera dannosa. Il MoVimento 5 Stelle - sottolinea - presentera' un atto per dire che le priorita' sono altre". E per essera cnora pu' chiaro, Di Maio chiosa: "Questo e' un no forte, convinto, deciso.

Uno di quei no che fanno bene".

(ITALPRESS).

ads/red

23-Lug-19 22:12

pulsante torna su