Ultime notizie:

  data news Oggi Coronavirus, 259 nuovi casi e 4 decessi        data news Oggi Camera, Fico "Intollerabile richiesta bonus partite Iva"        data news Oggi Antonio Banderas positivo al Covid, 60esimo compleanno in quarantena        data news Oggi Ferrovie, alta velocità Verona-Padova, al via lavori per 2,5 mld        data news Oggi Micciché "io candidato governatore in Sicilia? Non sono concorrente"       

Istat "Dal lockdown impatto su 385 mila occupati"

data news
THU 28 May | Italpress
Istat 'Dal lockdown impatto su 385 mila occupati'

ROMA (ITALPRESS) - "Sul fronte del mercato del lavoro, gli ultimi dati disponibili, relativi al mese di marzo, non sembrano ancora evidenziare un impatto significativo dell'emergenza Covid-19 almeno per quanto riguarda il numero degli occupati, diminuito solo lievemente (-0,1% la variazione congiunturale). Si tratta di una variazione in linea con quanto registrato nei primi due mesi dell'anno (-0,1% e 0,0%, rispettivamente a gennaio e febbraio 2020), prima dello scoppio della pandemia, anche grazie ai provvedimenti governativi di sostegno all'occupazione e ai lavoratori emanati fin dai primi giorni". Cosi' Roberto Monducci, direttore del Dipartimento per la produzione statistica dell'Istat, in audizione in commissione Lavoro del Senato.

"Al contrario, potrebbe essere ascritta, almeno in parte, all'attuale fase di emergenza la ricomposizione osservata nel mese di marzo fra disoccupati e inattivi in eta' lavorativa (15-64 anni) che ha visto, in un solo mese, il tasso di disoccupazione scendere di 0,9 punti percentuali (raggiungendo l'8,4% della forza lavoro) e il tasso di inattivita' salire in modo sostanzialmente corrispondente (+0,8%, raggiungendo quota 35,7%)", ha aggiunto.

"L'impatto del lockdown, in base d'anno, avrebbe riguardato circa 385 mila occupati, di cui quasi 46 mila non regolari (il 2,2% dell'occupazione totale). Il risultato complessivo - ha sottolineato Monducci - mostra una forte eterogeneita' settoriale.

I comparti maggiormente coinvolti sarebbero quelli dell'alloggio e ristorazione (11,3%, pari a 139 mila occupati, di cui 22 mila non regolari), commercio, trasporti e logistica (2,7%, 92 mila occupati, di cui poco piu' di 5 mila non regolari) e i servizi alla persona (1,2%, 45 mila occupati, di cui piu' di 8 mila non regolari). Un minore impatto si registrerebbe invece per la produzione manifatturiera e le costruzioni".

(ITALPRESS).

ads/sat/red

28-Mag-20 18:52

pulsante torna su