Ultime notizie:

  data news Ieri L'Atalanta spaventa la Juve, finisce 2-2 grazie a due rigori di CR7        data news Ieri La Roma vince 3-0 a Brescia, Zaniolo torna al gol        data news Ieri Coronavirus, Capua "Ora lo conosciamo, non ripetiamo stessi errori"        data news Ieri Lazio ancora ko, il Sassuolo vince 2-1 allo scadere        data news Ieri Coronavirus, 188 nuovi casi e 7 decessi       

Dl Rilancio, appello al Parlamento "Votare emendamenti salva-ambiente"

data news
MON 1 Jun | Italpress
Dl Rilancio, appello al Parlamento 'Votare emendamenti salva-ambiente'

ROMA (ITALPRESS) - "Insieme agli oltre 42.000 cittadini che hanno firmato a sostegno della petizione #RipartiamoPlasticFree #RipartiamoSenzaMonouso e agli oltre 35.000 che hanno seguito in diretta streaming il convegno 'Sicurezza sanitaria e sostenibilita' ambientale', ci sentiamo di rivolgere un appello a tutti i parlamentari perche' presentino e votino emendamenti 'Salva Ambiente' che blocchino il crescente degrado di mascherine, guanti monouso e altri nuovi rifiuti che si sono moltiplicati durante questa emergenza sanitaria. Chiediamo inoltre che si sostenga la filiera italiana di produzione dei dispositivi di protezione individuale riutilizzabili e riciclabili". Lo affermano in un video diffuso sui social Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della Fondazione UniVerde, e Jimmy Ghione, inviato di Striscia la notizia e testimonial della petizione #RipartiamoPlasticFree #RipartiamoSenzaMonouso, promossa dall'ex ministro dell'Ambiente.

Nel rilanciare l'appello, Pecoraro Scanio aggiunge: "Giovedi' 4 giugno scade il termine per la presentazione degli emendamenti al Decreto Rilancio, in Commissione Bilancio. Basta degrado e scandali legati al festival del monouso e delle mascherine usa e getta. Il Parlamento deve dare un freno alla moltiplicazione di nuovi rifiuti. Strade, campagne e mari non possono trasformarsi in discariche a cielo aperto. Bisogna anche ricordare che i dispositivi di protezione individuale possono essere accuratamente sterilizzati per eliminare il virus e quindi devono poter essere semplicemente riutilizzabili e alla fine anche riciclati. Non vorremmo trovarci di fronte ad una pressione lobbistica affinche' tutto venga considerato come rifiuto speciale pericoloso allo scopo di creare un nuovo affare e moltiplicare discariche e inceneritori".

La petizione #RipartiamoPlasticFree #RipartiamoSenzaMonouso e' nata dalla sollecitazione dei cittadini ma anche dall'attivita' di denuncia di Jimmy Ghione, che sottolinea: "Sono molto felice di sostenere la petizione promossa da Alfonso Pecoraro Scanio. Da sempre sono sensibile ai temi ambientali e questa iniziativa e' una causa giusta. Dobbiamo evitare che materiali inquinanti invadano le strade delle nostre citta' come abbiamo fatto vedere su Striscia".

(ITALPRESS).

sat/com

01-Giu-20 16:10

pulsante torna su