Ultime notizie:

  data news Ieri Champions. Juve eliminata dal Lione, nei quarti anche il Mancity        data news Ieri Approvata la riforma del Csm, mai più in magistratura chi viene eletto        data news Ieri Dl Agosto, via libera del Cdm. Conte "Sosteniamo lavoratori e imprese"        data news Ieri Atlantia, trattativa con Partners Group per cessione 49% Telepass        data news Ieri Gattuso "Il Barça è fortissimo, dobbiamo scalare l'Everest"       

Il Milan sotto di due gol batte in rimonta la Juventus 4-2

data news
TUE 7 Jul | Italpress
Il Milan sotto di due gol batte in rimonta la Juventus 4-2

MILANO (ITALPRESS) - Doveva essere il Milan ad incidere sulla corsa Scudetto. E alla fine ci e' riuscita, punendo entrambe le concorrenti: la Lazio con il 3-0 inflitto all'Olimpico nel precedente turno di campionato e la Juventus con una vittoria per 4-2 in una rimonta orchestrata in dieci minuti nella ripresa con le reti di Ibrahimovic, Kessie', Rafael Leao e Rebic dopo un primo tempo all'insegna di ritmi bassi e gioco spezzettato. La formazione di Sarri si presenta senza gli squalificati De Ligt e Dybala e in assenza dei guizzi dell'argentino, e' Adrien Rabiot a prendersi la scena con una giocata individuale da applausi che vale il vantaggio bianconero. Al 47' l'ex Psg protegge palla a centrocampo, salta con un tunnel Theo Hernandez, si accentra e dal limite dell'area lascia partire un mancino che non lascia scampo a Donnarumma. Si tratta del primo gol stagionale per il francese, sedicesimo marcatore diverso in stagione. E per un giocatore che trova la prima rete, ce n'e' uno che segna quasi sempre: al 53' Romagnoli e Kjaer si ostacolano e lasciano una prateria a Cristiano Ronaldo che a tu per tu con Donnarumma non sbaglia.

Ma nel giro di dieci minuti il Milan trova la clamorosa rimonta: al 62' Bonucci devia col braccio un colpo di testa di Rebic, Guida concede il calcio di rigore e Ibrahimovic dagli undici metri firma il 2-1. Al 66' Kessie' scambia con Ibrahimovic e con l'aiuto di una deviazione firma il 2-2. E un minuto dopo, Rafael Leao, al primo pallone toccato, beffa Szczesny con un destro sporcato da Rugani. Ma non e' finita: all'80' Alex Sandro sbaglia tutto e regala palla a Bonaventura che serve a Rebic una palla da scaraventare in rete a botta sicura per il poker definitivo.

(ITALPRESS).

spf/tvi/red

07-Lug-20 23:45

pulsante torna su