Ultime notizie:

  data news Ieri Lega Serie A ufficializza calendario, si riparte con Torino-Parma        data news Ieri Mattarella "La risalita non sara' veloce ma insieme ce la faremo"        data news Ieri Coronavirus, 178 nuovi casi, e' il dato piu' basso dal 26 febbraio        data news Ieri Vaticano, il Papa vara nuove norme per appalti piu' trasparenti        data news Ieri Anche a maggio immatricolazioni auto in calo       

SALONE NAUTICO LIGURIA REGIONE GUIDA PER IL RICICLO DEI RIFIUTI NEI PORTI

data news
SAT 21 Sep 2019 | Notizie - Attualità - Genova
SALONE NAUTICO  LIGURIA REGIONE GUIDA PER IL RICICLO DEI RIFIUTI NEI PORTI

Regione Liguria capofila del progetto “PRiSMa MED”. Il 69% dei rifiuti prodotti nei proti sono estranei all’ecosistema marino. “Bisogna creare una filiera di riciclo e riuso di questi rifiuti”, afferma l’assessore regionale alla Pesca, Stefano Mai, in occasione del 59esimo Salone Nautico di Genova.
“Il 69% dei rifiuti prodotti nei porti sono estranei all’ecosistema marino – spiega l’assessore Mai - La plastica ricopre ben il 28% dei rifiuti prodotti. Il vetro arriva al 10%, i tessuti al 9%, il metallo al 7%, cosi anche i fusti o bidoni, sempre al 7%. Le attrezzature da pesca al 6%. Un altro 2% è costituito dal materiale non organico. Serve una chiara strategia per il riciclo e riutilizzo di questi rifiuti, in modo che grazie a un’economia circolare, da essere dannosi per il mare, possano diventare una risorsa”.
Regione Liguria, come ribadisce l’assessore Mai, è oggi capofila del progetto “PRiSMa MED” che coinvolge Liguria, Toscana, Sardegna, Corsica e la Regione del Sud (ex Paca).
“Con questo progetto del programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020, vengono investiti due milioni di euro nella gestione degli scarti da pesca, acquacoltura e mitilicoltura su oltre 4.200 chilometri di costa. L’obiettivo strategico è raggiungere nei porti commerciali e porticcioli, la gestione integrata dei rifiuti e degli scarti prodotti dalle attività legate alla pesca e alla nautica da diporto”.
“PRiSMa MED” ha come capofila Regione Liguria e come partner: Ticass scrl-Tecnologie Innovative per il controllo ambientale e lo sviluppo sostenibile, Regione Toscana, Unione dei Comuni Alta Gallura, Camera di Commercio di Ajaccio, Flag Nord Sardegna, Cirspe-Centro italiano ricerche e studi per la pesca, Gestimar-scrl.
Il progetto prevede inoltre la redazione e la condivisione dei protocolli di best practice per la gestione dei rifiuti. Quattro i progetti pilota che saranno sviluppati: sul recupero del materiale organico di scarto da pesca e acquacoltura per la produzione di farine animali e per l’impiego in altri settori innovativi; sulla gestione e smaltimento rifiuti assimilabili agli urbani con creazione isole ecologiche; sul recupero integrale delle reti dismesse; sul riutilizzo della frazione organica e inorganica dei molluschi.
“Non agiamo solo sul pescato, ma anche sui fisiologici rifiuti prodotti per l’attività della pesca e nell’andare direttamente a rimuovere i rifiuti dai fondali marini. Un esempio di questa gestione integrata è lo smaltimento degli oli motori. Il 59% dei pescatori ne smaltisce più di 30 litri l’anno, mentre le batterie motore che per fortuna stanno diminuendo – prosegue l’assessore Mai - Poi ci sono le attrezzature da pesca dismesse in un anno che sono composte prevalentemente dalle reti in plastica, il 19%, dai cavi d’acciaio, il 23%, dal cordame in plastica, il 22%, e dai galleggianti, il 17%. Tutti rifiuti che possono essere inseriti in una corretta filiera del riciclo”.
“Consideriamo che il 72% dei rifiuti prodotti nei porti liguri seguono la normale filiera dei rifiuti urbani – conclude l’assessore Mai – Questo dato ci dice che il riciclo di tali rifiuti dipende dal livello di differenziata comunale, mentre PRiSMa MED punta ad una specifica filiera di riuso e riciclo, che superi il semplice smaltimento e sia in grado di dare vita a un’economia circolare che porti il rifiuto a essere risorsa

pulsante torna su