Ultime notizie:

  data news Oggi 5,5 MILIONI DAL PSR PER LE AZIENDE BIOLOGICHE, ECOCOMPATIBILI E ANIMALI LOCALI A RISCHIO ESTINZIONE        data news Oggi NUOVA CONDOTTA DEL ROJA, IL SINDACO SCAJOLA TROVA I FONDI I IN REGIONE        data news Oggi PER LA PASQUA IN RIVIERA TANTI TURISTI MA NON C’E’ IL TUTTO ESAURITO        data news Oggi PROSEGUONO I RISARCIMENTI PER LE AZIENDE DELLA ZONA ROSSA DI PONTE MORANDI        data news Oggi CROLLO TORRE PILOTI A GENOVA, PER I GIUDICI “COLPEVOLE RITARDO DELL’EQUIPAGGIO”       

BERRINO,INCIDENTE DI SANTA MARGHERITA DOVUTO A FORTI PIOGGE. CIRCOLAZIONE IN CORSO DI RIPRISTINO. LIGURIA PROVATA PER CONTINUE PIOGGE.

data news
FRI 9 Nov 2018 | Notizie - Attualità - Liguria
BERRINO,INCIDENTE DI SANTA MARGHERITA DOVUTO A FORTI PIOGGE. CIRCOLAZIONE IN CORSO DI RIPRISTINO. LIGURIA PROVATA PER CONTINUE PIOGGE.

E’ stata in parte ripristinata la circolazione ferroviaria nel levante ligure andata in tilt nelle prime ore della mattina a causa della caduta di un muro di contenimento della strada soprastante alla linea ferroviaria nella stazione di Santa Margherita. Fortunatamente non ci sono stati feriti, ma le forti piogge e il maltempo degli ultimi giorni hanno messo a dura prova il nostro territorio dal punto di vista idrogeologico. Al momento i treni procedono su un unico binario invece di due, a causa dei lavori necessari per la messa in sicurezza”.

Lo comunica l’assessore ai Trasporti di Regione Liguria Gianni Berrino, dopo aver appreso dello scivolamento al di fuori dei binari di un carrello di un treno nei pressi della stazione del levante ligure che già negli ultimi giorni è stata bersagliata dal maltempo. L’assessore Berrino fin dalle prime ore della mattinata si è subito messi in contatto con i tecnici di RFI per monitorare anche i disagi che si sono verificati alla circolazione ferroviaria.

“Sicuramente quanto accaduto – ha aggiunto Berrino – non è dovuto a cause tecniche-ferroviarie, ma al perdurare delle piogge e del maltempo e alle avverse condizioni meteo”. “I ritardi che si stanno accumulando – ha concluso l’assessore regionale – sono dovuti alla saturazione della linea e all’elevato numero di treni per rispondere alla sempre crescente domanda di trasporto e alla volontà regionale di garantire la mobilità, oltre alla necessità di ripristinare le condizioni di sicurezza”.

pulsante torna su