Ultime notizie:

  data news TUE 11 Aug Ferrarini, Intesa Sanpaolo guida la cordata per il rilancio        data news TUE 11 Aug Gasperini "Col Psg è dura ma c'è fiducia di poter fare bene"        data news TUE 11 Aug Coronavirus, nuovi casi in rialzo        data news TUE 11 Aug Roma, da Grillo via libera a Raggi per la ricandidatura "Daje!"        data news TUE 11 Aug Bonus Inps, Garante Privacy "Niente ostacoli a pubblicazione dei nomi"       

IMPERIA SPACCIAVA COCAINA RICEVENDO I CLIENTI IN MACCHINA ARRESTATO DALLA POLIZIA DI STATO

data news
THU 12 Dec 2019 | Notizie - Cronaca - Imperia
IMPERIA SPACCIAVA COCAINA RICEVENDO I CLIENTI IN MACCHINA ARRESTATO DALLA POLIZIA DI STATO

Nell’ambito dei servizi straordinari di controllo del territorio in corso nella città di Imperia, svolti con personale della Questura e 4 equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine appositamente aggregati per rinforzare i dispositivi ordinari, nella serata di ieri, gli agenti della Squadra Mobile impegnati in un servizio finalizzato al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nel centro cittadino, arrestavano un cittadino marocchino, classe 1978, colto nella flagranza dei reati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.
Lo straniero, giunto in via Palestro a bordo di un’autovettura, faceva salire uno dei suoi “clienti” a bordo. All’atto della cessione, gli operatori intervenivano, rinvenendo nelle tasche dello spacciatore nr. 5 involucri termosaldati contenenti sostanza stupefacente del tipo cocaina, per un peso netto di gr. 2,8. La successiva perquisizione dell’autovettura consentiva di rinvenire, occultati all’interno di due calzini da uomo riposti in un piccolo vano ubicato sotto il volante, ulteriori nr. 60 involucri termosaldati contenenti il medesimo tipo di sostanza stupefacente, per un peso complessivo di circa gr. 38. Lo straniero – con numerosi precedenti penali specifici, per fatti commessi principalmente nelle province di Imperia e Savona – veniva tratto arresto, mentre l’acquirente, sentito dagli investigatori, riferiva di rifornirsi dallo spacciatore da circa due mesi, acquistando saltuariamente una dose di circa gr. 0,30 al corrispettivo di 40 euro.
Convalidato l’arresto, all’esito del rito per direttissima il Giudice, in attesa del processo, applicava la custodia cautelare in carcere.

pulsante torna su