Ultime notizie:

  data news Oggi Ue, Conte "Negoziato in salita, ma non cedo su nulla"        data news Oggi Uccide i genitori a coltellate, fermato 30enne nel Torinese        data news Ieri L'Inter batte in rimonta il Torino e torna al secondo posto        data news Ieri Conte-Merkel "Negoziato difficile, ma si trovera' accordo"        data news Ieri Spadafora "Riforma sport ambiziosa, occasione unica"       

VENTIMIGLIA FURTO IN SPIAGGIA AGENTE DELLA POLIZIA DI STATO IN VACANZA FERMA IL COLPEVOLE

data news
MON 22 Jul 2019 | Notizie - Cronaca - Ventimiglia
VENTIMIGLIA FURTO IN SPIAGGIA AGENTE DELLA POLIZIA DI STATO IN VACANZA FERMA IL COLPEVOLE

Nel pomeriggio di sabato la pattuglia della Squadra Volante interveniva presso uno
stabilimento balneare ove era da poco stato perpetrato un furto.
Poco prima un ragazzo marocchino di 27 anni, con precedenti di polizia per reati
contro il patrimonio, senza fissa dimora ed irregolare sul territorio, approfittando
dell’assenza del proprietario si impossessava di uno zaino che si trovava appoggiato
su un asciugamano in spiaggia.
Subito dopo si allontanava passando lo zaino ad un altro soggetto, marocchino di 20
anni, incensurato, irregolare sul territorio nazionale, il quale lo occultava e insieme al
correo si allontanava.
Ad osservare l’intera scena vi erano un agente del Commissariato libera dal servizio
che si trovava in spiaggia per trascorrere il suo giorno di riposo ed il bagnino della
spiaggia.
L’agente raggiungeva immediatamente i due stranieri e con l’aiuto del bagnino li
bloccava, richiedendo poi l’ausilio della Volante.
Gli operatori intervenuti procedevano alla restituzione dello zaino (contenente
portafoglio, cellulare e chiavi di casa) al proprietario, un ragazzo di Ventimiglia di
anni 14, che si presentava poi insieme al padre a sporgere formale atto di querela.
Il cittadino marocchino con precedenti specifici veniva tratto in arresto per il reato di
furto aggravato in concorso, il “collega”, giovane ed incensurato, veniva denunciato a
piede libero.
Stamane, all’esito dell’udienza, il giudice convalidava l’arresto e disponeva per
l’arrestato la misura dell’obbligo di firma.

pulsante torna su