Ultime notizie:

  data news TUE 11 Aug Ferrarini, Intesa Sanpaolo guida la cordata per il rilancio        data news TUE 11 Aug Gasperini "Col Psg è dura ma c'è fiducia di poter fare bene"        data news TUE 11 Aug Coronavirus, nuovi casi in rialzo        data news TUE 11 Aug Roma, da Grillo via libera a Raggi per la ricandidatura "Daje!"        data news TUE 11 Aug Bonus Inps, Garante Privacy "Niente ostacoli a pubblicazione dei nomi"       

PER LA “GIORNATA DELLA MEMORIA” APPUNTAMENTO ALL’UNITRE CON BARBERIS, PRESIDENTE EINAUDI

data news
WED 22 Jan | Notizie - Cultura e Spettacolo - Sanremo
PER LA “GIORNATA DELLA MEMORIA” APPUNTAMENTO  ALL’UNITRE CON BARBERIS, PRESIDENTE EINAUDI

Venerdì 24 gennaio, alle 16, nella Sala degli Specchi del Comune, appuntamento con uno dei protagonisti più illustri del mondo culturale ed editoriale italiano: Walter Barberis, presidente Giulio Einaudi Editore, storico e docente all’Università di Torino che presenterà il libro “Storia senza perdono”.

L’incontro è organizzato in occasione della “Giornata della Memoria” dall’Unitre Sanremo che estende l’invito a partecipare anche alla cittadinanza.

Venerdì pomeriggio parteciperà l’assessore alla cultura Silvana Ormea. Presenti anche gli studenti del Liceo Cassini e Colombo di Sanremo.


Il libro:

La Shoah, lo sterminio degli ebrei d’Europa da parte del nazismo, è una vicenda la cui efferatezza non ha precedenti. Ma per rendere conto di questa tragedia, quanto è importante il ruolo dei testimoni e quanto quello della storiografia? È il tema di questo intenso libro di Walter Barberis. Esso inizia con una frase di Primo Levi: «La memoria è uno strumento meraviglioso, ma fallace», che subito individua l’universo concettuale del libro. Di fronte alla scomparsa, giorno dopo giorno, dei testimoni oculari, di fronte al pericolo di una caduta nell’oblio, si rende necessario un nuovo vaglio delle testimonianze acquisite e dei loro limiti. Ma soprattutto, un ricorso deciso alla storia, disciplina chiave per la trasmissione del sapere e per una solida comprensione di ciò che è stato. Il testo rende conto dei diversi aspetti della ricezione della Shoah, da un iniziale disinteresse e incredulità nei confronti dei sopravvissuti, a una successiva “ipertrofia” della memoria – l’«era del testimone» – fino a non isolati e clamorosi casi di impostura.


pulsante torna su