Ultime notizie:

  data news Oggi Finanziamento europeo da 2,3 mln per progetto Universita' Tor Vergata        data news Ieri Coronavirus, da Autostrade esenzione pedaggio per sanitari in servizio        data news Ieri Coronavirus, in Italia 83.049 positivi, 13.915 morti e 18.278 guariti        data news Ieri Da Pittsburgh primo vaccino contro Covid-19, superati test su animali        data news Ieri Coronavirus, Conte "Serve una risposta europea forte e tempestiva"       

MILLEPROROGHE: PRESIDENTE TOTI, ''GOVERNO RESPINGE OGNI RICHIESTA DI GENOVA E DELLA LIGURIA''

data news
SUN 29 Dec 2019 | Notizie - Politica - Liguria
MILLEPROROGHE: PRESIDENTE TOTI, ''GOVERNO RESPINGE OGNI RICHIESTA DI GENOVA E DELLA LIGURIA''

“Nel Decreto Milleproroghe il Governo ha respinto ogni richiesta della Liguria e di Genova”. E’ la denuncia del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti.

“In particolare – spiega il governatore – i lavoratori dell’emergenza del Ponte Morandi sono prorogati solo per due mesi, con i soldi degli enti locali liguri e al netto delle ferie: oltre 200 persone andranno a casa a gennaio. Inoltre i servizi aggiuntivi di trasporto su gomma e su ferro non sono stato finanziati: nei prossimi giorni, finiti i soldi, cesseranno, anche quelli più delicati come quelli per gli studenti dell’entroterra. E, ancora, secondo quanto previsto nel decreto Milleproroghe non è stato consentito di impiegare i fondi residui per dare altri risarcimenti, come chiedeva Camera di Commercio, e non è stato autorizzato l’utilizzo dei fondi residui per aiutare i lavoratori delle aree di crisi, come chiedevano i sindacati. Ma, ciliegina sulla torta, pur essendoci i soldi – prosegue Toti - è stata bloccata la cassa integrazione: quindi i lavoratori che oggi ne usufruiscono resteranno senza alcun ammortizzatore”.

Rispetto alla polemica sollevata dai consiglieri liguri del Pd Lunardon e Rossetti, Toti risponde: “Se pensano di tornare a sedersi sulle loro poltrone remando contro la Liguria, temo che resteranno delusi. E rossi di vergogna. Invece di farneticare, si attacchino al telefono per evitare questo scempio, di cui non sono complici ma protagonisti”.

pulsante torna su