Ultime notizie:

  data news Ieri Ferrarini, Intesa Sanpaolo guida la cordata per il rilancio        data news Ieri Gasperini "Col Psg è dura ma c'è fiducia di poter fare bene"        data news Ieri Coronavirus, nuovi casi in rialzo        data news Ieri Roma, da Grillo via libera a Raggi per la ricandidatura "Daje!"        data news Ieri Bonus Inps, Garante Privacy "Niente ostacoli a pubblicazione dei nomi"       

ANDORA, AGLI STABILIMENTI BALNEARI I DOCUMENTI PER ESTENDERE LE CONCESSIONI

data news
TUE 11 Feb | Servizi - Attualità - Andora

Sono stati consegnati ad Andora, agli stabilimenti balneari, i documenti per l’estensione al 31 dicembre 2033 della data di scadenza delle concessioni demaniali marittime, ai sensi di quanto previsto dalla legge del 30 dicembre 2018. I titolari dei bagni marini sono stati invitati a Palazzo comunale e l’assessore al Demanio Marco Giordano ha fatto il quadro della normativa e insieme al sindaco Mauro Demichelis, ha analizzato la delicata situazione che riguarda le imprese balneari. Giordano ha spiegato che il Comune agisce su delega dello Stato e in forza di una legge nazionale e che gli uffici hanno predisposto le pratiche e redatto le estensioni seguendo anche le indicazioni della Regione. Un atto dovuto, fino a quando non si farà piena chiarezza, in quanto le attività balneari sono una realtà importante per l’economia del territorio. In linea con le previsioni normative nazionali, sono state consegnate 22 estensioni della data di scadenza della concessione demaniale su 31 stabilimenti andoresi. Le restanti spiagge sono tratti di litorale liberi e in concessione al comune o all’Azienda comunale Multiservizi o stabilimenti in capo direttamente allo Stato. Un paio di stabilimenti devono, invece, ancora completare alcuni adempimenti burocratici necessari per il rilascio. Ora i titolari dovranno realizzare, entro venti giorni, le procedure e procedere al pagamento degli oneri di concessione. Il sindaco Demichelis ha evidenziato che tutelare gli stabilimenti balneari vuol dire anche salvaguardare posti di lavoro a una delle categorie che sostiene l’economia di Andora.

pulsante torna su