Ultime notizie:

  data news Ieri VENTO DI PONENTE IL NUOVO PREZZARIO REGIONALE        data news Ieri SEMPRE PIU' TURISTI IN LIGURIA. POSITIVO IL 2019, BUONI I PRIMI DATI SUI PONTI DI PRIMAVERA        data news Ieri TAGGIA GIOSTRE DEL LUNA PARK ALLACCIATE ABUSIVAMENTE ALLA CORRENTE ELETTRICA 12 GIOSTRAI DENUNCIATI DAI CARABINIERI        data news Ieri REGIONE LIGURIA GIOVANNI DE PAOLI LASCIA LA LEGA E PASSA AL GRUPPO MISTO        data news Ieri CUNEO CAMERA DI COMMERCIO IN VELO VERSO LA SOSTENIBILITÀ E PREMIAZIONE DEI VINCITORI DEL CONCORSO STORIE DI ALTERNANZA       

IL PREMIER CONTE A GENOVA PER LA DEMOLIZIONE DI PONTE MORANDI

data news
FRI 8 Feb | Servizi - Attualità - Genova

«La demolizione di ponte Morandi è un momento importante e rappresenta il riscatto di Genova, della Liguria e dell'Italia». Lo ha affermato questa mattina a Genova il Presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte, che insieme al ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, al presidente della Regione Giovanni Toti e al sindaco Marco Bucci, ha presenziato all’avvio della fase centrale della demolizione dei resti del Morandi. Le autorità hanno compiuto una visita nel cantiere dove i responsabili del consorzio temporaneo di imprese che si occupa dei lavori ha spiegato loro le fasi di intervento, che passano attraverso il taglio di una prima travatura dei resti del ponte, che verrà in seguito calata a terra con l’ausilio di enormi gru. Il ministro Toninelli ha parlato anche della successiva ricostruzione di ponte Morandi, sottolineando che sarà l'immagine del rilancio dell’Italia. Toninelli ha anche ricordato come le centinaia di milioni necessarie per demolire e ricostruire il ponte di Genova non siano sborsati dallo Stato, ma da chi avrebbe dovuto garantire la manutenzione dell’infrastruttura. Toti e Bucci hanno espresso soddisfazione per la vicinanza del Governo a Genova e alla Liguria. Intanto, sempre stamani, ha preso il via l'udienza dell'incidente probatorio nell'ambito delle indagini sul crollo del viadotto dello scorso 14 agosto, che ha causato la morte di 43 persone. In aula, davanti al Gip Angela Nutini, si sono presentati i Pm, consulenti e periti e alcuni familiari delle vittime.

pulsante torna su