Ultime notizie:

  data news Ieri Scuola, Azzolina "Obiettivo e' tornare in presenza"        data news Ieri Fedez querelato dal Codacons "Onorificenze per aver dato una mano..."        data news Ieri Bruce Springsteen "Ancora schiavismo negli Usa"        data news Ieri Spadafora "Semifinali Coppa Italia il 12 e 13 giugno"        data news Ieri Gasperini replica al Valencia "Una polemica offensiva"       

L'ARTIGIANATO LIGURE FATICA NEL 2018

data news
WED 30 Jan 2019 | Servizi - Attualità - Liguria

Non si è chiuso nel migliore dei modi il 2018 dell'artigianato ligure. Le perdite di imprese hanno superato le nuove aperture, per un saldo finale negativo di 430 unità (-1%) su un totale di 43.402 microimprese liguri. Lo dicono gli ultimi dati Infocamere-Movimprese. In Italia la filiera artigiana si riduce dell'1,36%. In totale sono poco più di 1 milione e 300 mila le microimprese attive. Pressoché invariato il settore dell'alloggio e ristorazione, mentre a registrare un trend positivo sono principalmente i servizi. In calo i due principali settori di attività artigiana, manifatturiero e costruzioni. «Dati alla mano, è stato un anno amaro per l'artigianato ligure, che ha visto chiudere ben 3 mila imprese. – commenta Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – Una perdita che solo parzialmente è stata compensata dalle nuove aperture. Ha sofferto molto il genovesato, dove si registra il maggior numero di chiusure, mentre qualche spiraglio di luce si apre a Imperia, unico territorio a segnare una crescita complessiva trainata dal settore delle costruzioni. Ci auguriamo che questo possa rappresentare un piccolo segnale di ripartenza per tutta la filiera regionale, quel che è certo è che le nostre microimprese continuano ad avere bisogno di nuovi stimoli e sostegni: meno burocrazia, semplificazione delle procedure, incentivi agli investimenti, riduzione delle tasse e agevolazioni per l'accesso al credito».

pulsante torna su