Ultime notizie:

  data news Ieri Tris del Milan all'Olimpico, la Lazio ora a -7 dalla Juventus        data news Ieri Il Sassuolo la spunta nel finale, battuto il Lecce 4-2        data news Ieri Il derby va alla Juventus, Torino sconfitto 4-1        data news Ieri Coronavirus, 235 nuovi casi e 21 decessi        data news Ieri Giovani di Confindustria al governo "Basta annunci mirabolanti"       

EXPORT: FERMARE EMBARGO RUSSO PER AGEVOLARE LE ESPORTAZIONI DELLE ECCELLENZE MADE IN LIGURIA

data news
WED 19 Feb | Servizi - Attualità - Liguria

Coldiretti Liguria è intevenuta in merito alla situazione dell'export agroalimentare ligure in riferimento all'embargo russo. L’analisi di Coldiretti è stata divulgata in occasione della visita dei ministri degli Esteri e della Difesa russi Sergei Lavrov e Sergei Shoigu in Italia, dopo l’allarme lanciato sui rischi di recessione provocato dall’epidemia coronavirus sull’economia mondiale evidenziato dal Fondo Monetario internazionale. Secondo Coldiretti è importante riaprire la via del dialogo con il gigante Euroasiatico per fermare l’embargo alle spedizioni, che ha colpito un’importante lista di prodotti agroalimentari, per una perdita, a livello nazionale, di circa 1,2 miliardi negli ultimi cinque anni e mezzo e, per far in modo che, anche le eccellenze liguri, possano affermarsi su questo interessante mercato. L’agroalimentare italiano è l’unico settore colpito direttamente dall’embargo che ha portato al completo azzeramento delle esportazioni dei prodotti presenti nella lista nera, dalla frutta alla verdura, dai formaggi ai salumi, dalla carne al pesce. Al danno diretto delle mancate esportazioni in Russia si aggiunge la beffa della diffusione su questo importante mercato di prodotti d’imitazione che non hanno nulla a che fare con il Made in Italy realizzati in Russia o nei Paesi non colpiti dall’embargo.

pulsante torna su