Ultime notizie:

  data news TUE 11 Aug Ferrarini, Intesa Sanpaolo guida la cordata per il rilancio        data news TUE 11 Aug Gasperini "Col Psg è dura ma c'è fiducia di poter fare bene"        data news TUE 11 Aug Coronavirus, nuovi casi in rialzo        data news TUE 11 Aug Roma, da Grillo via libera a Raggi per la ricandidatura "Daje!"        data news TUE 11 Aug Bonus Inps, Garante Privacy "Niente ostacoli a pubblicazione dei nomi"       

CONTAGI A PONTEDASSIO, VERTICI DELLA BOCCIOFILA: «NOI NON C’ENTRIAMO, ERAVAMO CHIUSI»

data news
WED 11 Mar | Servizi - Cronaca - Entroterra

Agostino Ramoino, presidente della Asd Petanque di Pontedassio, a seguito dei fenomeni di contagio da Coronavirus Covid 19 verificatisi nel capoluogo della Valle Impero e attribuiti, quale origine, alla bocciofila, in una nota ha evidenziato che tale attribuzione è errata in quanto la bocciofila è chiusa dal 22 febbraio. Ramoino ha anche spiegato che i casi di positività sono emersi al bar comunale del centro sportivo, frequentato da moltissime persone provenienti da tutta la Valle Impero, che, però, nulla a che fare con la bocciofila. La confusione chiaramente nasce dal fatto che, nel parlare comune, la struttura sportiva di Pontedassio è da tutti chiamata genericamente bocciofila, anche se, in realtà, è composta da più parti: la bocciofila in senso stretto, un campetto per il gioco delle bocce esterno, vicino al bar, lo stesso bar e il campo da calcio. Da qui l’involontario coinvolgimento in tutte le cronache della bocciofila vera e propria che fa capo all’Asd Petanque di Pontedassio, che non può certamente essere considerata responsabile degli episodi di contagio da Coronavirus, per i quali, comunque, non vi è altro responsabile se non il fato.

pulsante torna su