Ultime notizie:

  data news TUE 11 Aug Ferrarini, Intesa Sanpaolo guida la cordata per il rilancio        data news TUE 11 Aug Gasperini "Col Psg è dura ma c'è fiducia di poter fare bene"        data news TUE 11 Aug Coronavirus, nuovi casi in rialzo        data news TUE 11 Aug Roma, da Grillo via libera a Raggi per la ricandidatura "Daje!"        data news TUE 11 Aug Bonus Inps, Garante Privacy "Niente ostacoli a pubblicazione dei nomi"       

MAREGGIATA A RAPALLO, DIECI INDAGATI PER LO SMALTIMENTO DEGLI YACHT

data news
SAT 15 Jun 2019 | Servizi - Cronaca - Liguria

Dieci persone sono finite sotto inchiesta per il reato di traffico di rifiuti, legato allo smaltimento degli yacht che si erano arenati sulla costa o schiantati sugli scogli a Rapallo, a seguito della violenta mareggiata dello scorso ottobre. Il pubblico ministero Andrea Ranalli ha iscritto nel registro degli indagati Andrea Dall'Asta, amministratore delegato della società che gestisce il porto Carlo Riva; Marina Scarpino, direttore dello stesso scalo; Mirko Malziani, responsabile della sicurezza del porto e Pasquale Capuano, imprenditore campano che gestisce un cantiere di smaltimento a Carrara. Sotto inchiesta anche altre sei persone, titolari di piccole aziende che hanno lavorato per conto di Capuano. L'inchiesta, condotta dai carabinieri di Santa Margherita Ligure, aveva preso il via nel maggio scorso, dopo che le verifiche effettuate su un camion che usciva dal porto avevano evidenziato la mancanza dei necessari documenti per il trasporto e smaltimento dei detriti. I legali del porto di Rapallo hanno evidenziato come il bacino e i suoi dirigenti siano, a loro dire, vittima di una truffa.

pulsante torna su