Ultime notizie:

  data news TUE 11 Aug Ferrarini, Intesa Sanpaolo guida la cordata per il rilancio        data news TUE 11 Aug Gasperini "Col Psg è dura ma c'è fiducia di poter fare bene"        data news TUE 11 Aug Coronavirus, nuovi casi in rialzo        data news TUE 11 Aug Roma, da Grillo via libera a Raggi per la ricandidatura "Daje!"        data news TUE 11 Aug Bonus Inps, Garante Privacy "Niente ostacoli a pubblicazione dei nomi"       

CORONAVIRUS IMPERIA, CONTINUANO I CONTAGI, MA DIMINUISCIONO I RICOVERATI

data news
MON 11 May | Servizi - Cronaca - Liguria

Il numero dei ricoverati per Coronavirus Covid 19 in provincia di Imperia continua a scendere e addirittura si è arrivati a scendere sotto quota cento. Un dato importante soprattutto se si pensa che nel mese di aprile si erano superati i 200 ricoverati. Per festeggiare, però, è decisamente ancora presto. Nelle ultime ore infatti si è continuata a registrare la crescita del numero di persone contagiate. Un dato che potrebbe anche essere messo in relazione con l’aumento del numero di tamponi effettuati, ma che segnala comunque inequivocabilmente come il virus sia ancora in circolazione anche nell’imperiese e colpisca anche persone che poi non ne mostrano magari nemmeno i sintomi, diventando così inconsapevoli portatori sani di contagio. Quanto ai numeri si parla mediamente di una decina di nuovi casi di contagio scoperti ogni giorno. Da qui la necessità di studiare con attenzione i termini della cosiddetta “Fase 2” anche per quanto riguarda un ritorno verso la normalità delle strutture sanitarie, a cominciare dalla ripresa delle visite ambulatoriali, che hanno visto un notevole accumulo delle richieste che dovranno essere gradualmente smaltite. Intanto in Liguria, sempre sul fronte sanitario, fa discutere la decisione della Regione di affidare ad Alisa, l’Agenzia sanitaria regionale, la governance dell’emergenza Covid 19 per tutta la Liguria. In molti hanno parlato di una sorte di commissariamento delle Asl, ipotesi negata dal commissario straordinario di Alisa Walter Locatelli, che parla invece di opportuno monitoraggio dei dati Covid per controllare la “Fase 2”, «per ottenere sempre di più un’omogeneità organizzativa in termini di procedure e standard assistenziali, operativi e organizzativi in un momento di massima criticità ed emergenza durante il quale occorre prendere decisioni uniformi e coordinate».

pulsante torna su