Discoteche, istituito a Savona il “Marchio del divertimento sicuro”

D‘intesa punta a rafforzare la collaborazione tra istituzioni e operatori del settore, con l’obiettivo comune di consentire a giovani e frequentatori in genere di divertirsi in sicurezza in una cornice di legalità, premiando i locali “virtuosi” che osservino le norme di sicurezza e ne incentivino il rispetto della clientela

Nella giornata di ieri, giovedì 28 luglio, le associazioni di categoria e gli istituti di vigilanza privata hanno sottoscritto in Prefettura a Savona un protocollo d’intesa per garantire la sicurezza dei frequentatori di discoteche e sale da ballo. L’accordo prevede, in particolare, l’istituzione di un albo dei gestori in possesso di tutti i requisiti necessari a potersi fregiare del“Marchio del divertimento sicuro”.

L’intesa punta a rafforzare la collaborazione tra istituzioni e operatori del settore, con l’obiettivo comune di consentire a giovani e frequentatori in genere di divertirsi in sicurezza in una cornice di legalità, premiando i locali “virtuosi” che osservino le norme di sicurezza e ne incentivino il rispetto della clientela attraverso un apposito avviso esposto all’ingresso; collaborino con le forze dell’ordine segnalando tempestivamente situazioni di eventuali pericolo; monitorino il rispetto dei limiti di età nel consumo di alcolici e favoriscano iniziative di sensibilizzazione sui pericoli dell’abuso di alcol e droghe.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito dell’accordo quadro già sottoscritto tre anni fa a livello nazionale, che fissa i parametri a cui i locali devono attenersi per garantire la sicurezza dei clienti e degli stessi dipendenti, e segue di un mese l’analogo patto sottoscritto a Genova alla fine di giugno.

«L’accordo raggiunto testimonia dell’impegno e della serietà con la quale i gestori di discoteche e locali da ballo garantiscono la sicurezza dei loro clienti, ed è un segnale importante lanciato anche nei confronti dei pochi che, ancora, non si sono adeguati alle regole – commenta Giancarlo Cerisola, sottoscrittore del protocollo in qualità di presidente di Confesercenti Savona -. Compito delle associazioni sarà appunto quello di garantire, da parte dei titolari delle attività, il rispetto dei requisiti necessari alla permanenza o all’ingresso nell’albo dei gestori in possesso del Marchio del divertimento sicuro».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.