Titanio sul monte Beigua, presentato un terzo ricorso

“Non avendo finora avuto esiti favorevoli, la Cet, Compagnia Europea per il Titanio, torna alla carica presentando un ennesimo ricorso (il terzo).

Questa volta si rivolge al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar Liguria dello scorso maggio, che di fatto ha confermato il divieto di effettuare ricerche minerarie nell’area del Monte Tarinè”.

Lo denuncia in una nota il Parco del Beigua. “La vicenda giudiziaria si trascina dal 2015 e continua a impegnare ingenti risorse del Parco del Beigua. Risorse che vorremmo impiegare per favorire lo sviluppo turistico del territorio, ma che dobbiamo invece usare per proteggerne l’elevata qualità ambientale dell’area e di conseguenza la qualità di vita delle persone che ci vivono. Non a caso qui insistono un’area protetta, la più grande della Liguria, un Geoparco riconosciuto dall’UNESCO e diverse ZSC – zone speciali di conservazione”.

“Il ricorso al Consiglio di Stato non giunge certo inatteso – dice Daniele Buschiazzo, presidente dell’Ente – Il Parco del Beigua e tutte le sue comunità faranno valere le proprie ragioni come hanno sempre fatto. Ci aspettiamo che si costruisca anche la Regione Liguria assieme a noi. Non possiamo però fare a meno di rilevare il fatto che un territorio riconosciuto dall’Unesco sia sotto questa spada di Damocle dal 1976. Sarebbe bene una volta per tutte mettere la parola fine su questa vicenda che ci fa disperdere risorse che potrebbero essere utili per il nostro territorio. Tanto più in un momento in cui la zona infetta dalla Peste Suina è estesa su tutto il Parco da ormai un anno, creando notevoli problemi a tutte quelle attività che contribuiscono a mantenere il nostro territorio”.

   “La Cet ribadisce, con questo ennesimo atto contro lo sviluppo sostenibile del territorio, la propria essenza – dichiara in una nota Santo Grammatico, presidente Legambiente Liguria -. Non ha alcun interesse nella ricerca scientifica ma lo ha solo di mero sfruttamento minerario per una delle zone geologicamente più pregevole della Liguria, tutelata da un parco regionale e riconosciuta dall’Unesco. Spiace constatare, a valle del ricorso dell’azienda al Consiglio di Stato, contro la sentenza del Tar Liguria che impedisce la ricerca nell’area Parco e nelle Zone Speciali di Conservazione, che non si sia definitivamente risolta la questione sul piano politico”. “La Regione Liguria con il Decreto 1211 del febbraio 2021 ha concesso alla Cet, per tre anni la possibilità di effettuare ricerche minerarie anche in zone limitrofe all’area tutelata, aprendo di fatto un conflitto sociale, economico e ambientale a danno degli enti e della comunità locale” dice Legabiente. “Saremo sempre insieme e al fianco delle Comunità e dei Parchi che si oppongono a uno sviluppo predatorio del nostro territorio” conclude il presidente dell’associazione ambientalista.

   Federparchi Liguria, in merito al ricorso al Consiglio di Stato della Società CET contro la sentenza del Tar Liguria che nello scorso mese di maggio ha confermato il divieto di effettuare ricerche minerarie nel Parco Regionale del Beigua, “esprime stupore e riprovazione per l’insistenza nel voler portare avanti un progetto non voluto dal territorio che, qualora realizzato, avrebbe gravissime conseguenze sull’ambiente, sulla vita e sull’economia di una vasta area che ha scelto per il proprio sviluppo la strada della biodiversità, del turismo, delle produzioni tipiche e delle sostenibilità”. “Questa vicenda, che va avanti dal 2015, conferma l’esigenza di mantenere una costante vigilanza civile su tentativi di parte ed estranei al territorio di superare le regole di conservazione ambientale e le strategie di sviluppo economico liberamente scelte dal comprensorio del Beigua, proponendo modelli di sviluppo lontani dagli interessi di chi in quell’area vive e lavora ottenendo fra l’altro di conseguenza prestigiosi riconoscimenti internazionali anche in sede UNESCO. Federparchi Liguria è solidale con il Parco del Beigua e con tutti i passi che riterrà di com-piere a tutela del proprio ambiente naturale e delle proprie scelte di sviluppo sostenibile ed auspica che anche la Regione Liguria, danneggiata in uno dei suoi angoli più preziosi dall’eventualità di apertura di miniere, si associ costituendosi a sua volta nelle sedi compe-tenti contro il ricorso della Società Cet” conclude Federparchi.

Lascia un commento