Andora, utenti senza rimborsi da Rivieracacqua

 “L’acqua salata è ora un ricordo, ma gli andoresi non avranno ristori. Rivieracqua ha respinto le richieste danni e di riduzioni in bolletta adducendo come motivazione che il fenomeno è dipeso dalla siccità ovvero da una causa naturale e non da problemi tecnici imputabili alla società che gestisce la rete idrica”. È in sintesi il significato delle lettere giunte in questi giorni nelle case degli andoresi che avevano richiesto il ristoro per i danni patiti o riduzioni in bolletta. Molti si erano mossi con l’ausilio delle associazioni a tutela dei consumatori.

“Comprendo che per Rivieracqua non sia facile concedere delle riduzioni, vista la sua delicata situazione economica, ma non credo che la questione si possa chiudere in questo modo – ha dichiarato il sindaco Mauro Demichelis, confermando il suo appoggio ai cittadini – Il disagio patito va riconosciuto altrimenti molte richieste danni potrebbero trasformarsi in cause legali. È indubbio che se l’acquedotto del Roja non fosse stato così malmesso, Andora questa estate avrebbe ricevuto più acqua dall’imperiese e in quantità essenziale a contrastare i disagi causati dalla prolungata siccità”.

“Invito Rivieracqua a riconsiderare la decisione con un gesto di sensibilità verso i cittadini e a concentrare tutte le sue energie e risorse sui lavori di posa delle nuove condotte del Roja che devono essere collegate ad Andora entro l’estate per garantire una fornitura adeguata di acqua alla comunità”.

Lascia un commento