Massimo Rubboli presenta “Tempo (quasi) scaduto” nella Chiesa evangelica

Martedì 9 maggio alle ore 16:30 presso la Chiesa Evangelica Metodista, in piazza Armando Diaz 6, il professor Massimo Rubboli, già accademico a Genova, presenterà il suo nuovo libro “Tempo (quasi) scaduto – Come l’industria delle armi sta portando l’umanità all’autodistruzione”, edito da Artestampa. Secondo l’autore l’aggressione russa all’Ucraina ha riproposto drammaticamente il problema della guerra e destabilizzato l’ordine geopolitico mondiale, mettendo in evidenza il ruolo dell’industria bellica come fornitrice di armi e fomentatrice di conflitti armati, spesso nascosto dietro retorica bellicista.

L’uso di armi sempre più devastanti sta portando ad un’escalation che rischia di far esplodere un conflitto nucleare con conseguenze catastrofiche per la razza umana e l’ecosistema globale. Esiste un’alternativa? “Il tempo è forse (quasi) scaduto. Il tempo di leggere questo libro aiuta a diventare più consapevoli della possibilità di essere artigiani di pace con le proprie scelte”, scrive Giorgio Grimaldi nella prefazione.

Per impedire la “reciproca distruzione assicurata” è necessario superare il pregiudizio che attribuisce alla non violenza una scarsa capacità di incidere sulle logiche del realismo politico e attivare forme di resistenza non violenta. Contemporaneamente bisogna trasformare l’Unione Europea da comunità di Stati in una vera e propria federazione al di sopra di nazionalismi etnici e sovranismi e capace di controllare la produzione e il commercio delle armi.

Lascia un commento