“Laboratorio Finale”, un nuovo contenitore per rilanciare Finale Ligure

Andrea Guzzi, attuale Vice Sindaco ed Assessore ai Lavori pubblici dell’Amministrazione finalese, costituisce un nuovo gruppo che lui stesso definisce “contenitore politico”.

“L’idea nasce dalla necessità di riunire competenze, passioni, progetti, visioni ed ambizioni legate al nostro meraviglioso territorio. Nelle realtà locali è sempre più evidente come sia sempre più necessaria una collaborazione tra le competenze e le passioni delle persone. Quando si parla di Amministrazione locale lo si fa a prescindere dalle appartenenze partitiche; si devono dare risposte alle esigenze di un territorio, ai bisogni di una collettività, alle aspirazioni di Finale Ligure che in questi anni è cresciuta in tutti i settori diventando meta internazionale e riconosciuta, quale Città di livello mondiale per le sue peculiarità, le sue ricchezze, la sua identità. E tutto questo non ha colore politico.
“Laboratorio Finale” si prefigge proprio questo obiettivo: essere la Casa politica dei finalesi. Non di una particolare forza partitica ma dei cittadini; un laboratorio aperto a chiunque abbia a cuore la propria Città ed il suo sviluppo sostenibile. Questo contenitore si prefigge lo scopo di essere un costante e continuo cantiere di idee senza preclusione alcuna. Si devono sviluppare idee e concetti: occorre entrare nel futuro, ma senza dimenticare il nostro passato. utilizzando le esperienze e consapevoli del presente. Passato e futuro devono essere le due colonne portanti che ci consentiranno di osservare con lucidità il presente. Iniziamo questa esperienza come un gruppo di cittadini finalesi che, in questo anno e mezzo precedente alle elezioni amministrative 2024, si propone di incontrare il territorio, in tutte le sue forme ed espressioni, per attrarre idee ed informazioni. Valori e competenze da tramutare in progetti politici. Si promuoveranno serate a tema per aprire discussioni e stimolare confronti. Questo percorso servirà a crescere e a strutturarsi ulteriormente. In questi ultimi 10 anni molto è stato fatto a livello amministrativo, ma occorre ingranare una marcia in più per essere all’altezza delle sfide che Finale Ligure si troverà ad affrontare in tema di turismo, di infrastrutture, di ambiente. Lo sviluppo del tessuto produttivo della Città deve crescere per rendere Finale sempre più competitiva ed attrattiva.”

L’iniziativa dell’Assessore finalese sembra avviare la campagna per le amministrative del 2024. La carriera politica di Guzzi iniziò nel 2014 con la prima legislatura Frascherelli; nel 2019, sempre come candidato indipendente, conquistò con oltre 600 preferenze la posizione di Vice Sindaco .  Pur non nascondendo le sue inclinazioni verso l’area moderata del centrodestra Guzzi ha sempre mantenuto rapporti con vari esponenti dei diversi partiti , dalla Lega al partito democratico.  si è sempre posto come elemento d’unione e non di divisione, anche all’interno dell’attuale amministrazione. La natura civica del nuovo contenitore pertanto sembra essere evidente, anche alla luce delle recenti affermazioni del Vice Sindaco stesso.

“Laboratorio Finale non nasce in contrapposizione ai Partiti, anzi auspica di avere con loro confronti ed apporti con spirito collaborativo. Ma “LabFinale” dovrà rendere conto unicamente ai finalesi. Il nome stesso che ho voluto scegliere per questo contenitore politico è una chiara indicazione di ciò che vogliamo fare: a noi interessa Programmare, Costruire e Lavorare, solo e unicamente per il bene della nostra Città. Chi condivide sarà accolto”

Guzzi conclude annunciando che ha già raccolto attorno a sé alcuni validi e nuovi elementi, esterni all’attuale maggioranza, impegnati in diversi settori, ma tutti con il comune obiettivo di mettersi a disposizione della città. 

Lascia un commento