Gino Rapa a Finale con le sue curiosità linguistiche

Gino Rapa a Finale con le sue curiosità linguistiche.
Per centinaia di persone è diventato un appuntamento quotidiano molto atteso. Ci riferiamo alle “pillole” linguistiche che ogni giorno Gino Rapa, portavoce storico dei Fieui di caruggi di Albenga, distribuisce sulla sua pagina facebook, arricchendole di aneddoti e ironia. Tantissime visualizzazioni, emoticon, commenti, condivisioni. E soprattutto la dimostrazione che la cultura, se resa accessibile, può avere ancora presa su molte persone. “L’idea è nata – ci confida lo stesso Gino Rapa – per spiegare vocaboli e modi di dire di uso comune di cui sovente ignoriamo l’origine. E anche, da vecchio insegnante lo confesso con orgoglio, per dimostrare che il latino e il greco non sono affatto lingue morte, anzi!”. Una etimologia tira l’altra e, visto il successo dell’iniziativa, è iniziato anche un appuntamento radiofonico quotidiano su Radio Onda Ligure ed è arrivata la pubblicazione di ben due libri, editi da Delfino Moro, per raccogliere queste “pillole” linguistiche. Bisogna aggiungere che la classe “virtuale” che ogni giorno segue le lezioni del “vecchio insegnante di latino e greco”, come l’autore ama autodefinirsi è numerosa e di qualità. Tra gli allievi spicca Fiorella Mannoia con tanti compagni di banco illustri, da Maurizio Vandelli, il Principe dell’Equipe 84, a Massimo Germini, chitarrista storico di Roberto Vecchioni, da Pier Michelatti, bassista di Fabrizio De André al cantautore genovese Max Manfredi e a Roberto Gualdi, batterista della PFM. Un uso intelligente dei tanto vituperati social. E sabato 14 Gennaio Gino Rapa sarà a Finale Ligure per presentare i suoi due manuali di lingua italiana presso la libreria Cento Fiori. L’appuntamento con Testa di rapa e Cime di rapa (evidente e simpatico il riferimento ironico nei titoli al cognome dell’autore) è per le ore 18. I due libri contribuiscono all’acquisto di materiale sanitario per il reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale pediatrico Gaslini di Genova.

Lascia un commento